Lunedì nero, ode alla domenica

Lunedì nero, ode alla domenica

4 minuti di lettura

Il lunedì fa schifo. Pare, infatti, che degli studi piuttosto seri (almeno questo e questo) abbiano dato conferma di un fatto empiricamente noto a tutti: il weekend è l’unico apostrofo rosa tra le frasi «Settimana di m***a!» e «Lunedì si ricomincia..».

Anche se a guardare le timeline dei nostri profili social (tipo quella di Facebook) si potrebbe pensare che ci divertiamo per la maggior parte del tempo, in realtà anche noi guardiamo al weekend come ad un’isola di pace, traquillità e relax.
Purtroppo forze a noi sconosciute complottano per smentirci puntualmente (e questa è un’altra storia)!
Quello di cui vogliamo raccontarti, infatti, sono le riflessioni che abbiamo fatto tra una pizza e una birra e le idee che ci son venute, a proposito dell’annoso problema: il lunedì fa schifo.

Si fa presto a dire «Vabhè, almeno godiamoci il weekend..» con l’aria rassegnata di chi ha deciso di mangiare la minestra (piuttosto che saltare dalla finestra), un po’ perché il weekend sarà sicuramente già pieno di cose da fare, tutte quelle che non siamo riusciti a fare durante la settimana, un po’ perché il weekend dura solo due giorni. Allora come evitare di cadere nella trappola delle domeniche tristi e preoccupate (anche fotograficamente parlando) per l’arrivo del lunedì nero?

Sabato = Domenica

Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi..e poi il sabato è già subito dopo il venerdì! Fare la spesa, pulire casa, riordinare la posta, andare a trovare la nonna e smaltire la posta (cartacea o email) sono tutte attività che normalmente, almeno noi, rimandiamo alla domenica, perché…vorrai mica farle sabato, il primo giorno utile per riposarti?
Anche se su due piedi la risposta a questa domanda sarebbe «No», ogni sforzo profuso nello svolgere tutte le mansioni “noiose” di sabato, ti porterà più lontano dalla catastrofe del lunedì nero (e della domenica triste).

Pianifica con (più) anticipo

Hai presente quella strana sensazione di avere la testa già piena di cose da fare alle 19.00 della domenica, quando il lunedì non ha ancora neanche visto la luce? Liberati di questo stress, gettando le basi per la settimana successiva già il venerdì di quella precedente. Bastano 5 minuti per risistemare la scrivania prima di lasciare l’ufficio e magari qualcuno in più per riordinare le email, etichettandole, per trovarle lì, già pronte ad essere affrontate al rientro del lunedì.

Se proprio non ti è possibile fare a meno di organizzare l’agenda durante il weekend (ne sappiamo qualcosa!), almeno, cerca di farlo entro domenica mattina, per avere tutto il tempo di dedicarti successivamente ad altre attività, che ti distraggano dal dover continuamente rimuginare sugli impegni a venire.

Non fare l’eremita

È troppo facile lasciar pigramente scivolare via la domenica o andarsene in giro da soli, quatti quatti, alla ricerca dello scatto perfetto. Meglio rimanere attivi, prendersi del tempo per un’uscita fotografica oppure per quattro passi in centro, con l’idea di fare un po’ di street photography in compagnia. Migliora l’umore, accresce il portfolio personale, ma aiuta anche a non perdere il contatto con  la vita quotidiana e con gli altri, per non lasciare spazio ad ansie e preoccupazioni sulla settimana a venire.

Non vale la scusa del «Ho appena risposto a tutte le notifiche di commento su Facebook!». I rapporti interpersonali, ancor più quelli non-virtuali, sono estremamente importanti. Soprattutto nel weekend. Soprattutto se accompagnati da un buon cocktail o da una birra ghiacciata.

Le ore piccole non fanno (più) per te

Facciamocene una ragione. Non siamo più quelli di una volta e tirare tardi domenica sera, nell’attesa che il karma ci grazi e ci giunga un’illuminazione utile a superare il successivo lunedì, può solo peggiorare irrimediabilmente le cose. Non sarà quella sensazione di “dolce far niente” ad alleviare le pene della domenica sera, anzi. Meglio far qualcosa di più attivo, piuttosto delle solite maratone blockbuster o delle infinite e ripetitive post-produzioni sequenziali (maledetti ritratti!).

Quindi manda in soffitta le attività più noiose e dedica la domenica sera, per esempio, all’editing oppure alla post produzione creativa per uno dei nostri Progettoni.

E se, nonostante tutti i nostri buoni consigli e i tuoi buoni propositi, dovessi ritrovarti comunque a fissare il muro bianco nelle tue serate domenicali, prendila con filosofia! Tra sei giorni sarà nuovamente sabato! (risate – applausi – sipario).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *