Il formato RAW per smartphone Android, eccolo su HTC M9 grazie a Lollipop

Il formato RAW per smartphone Android, eccolo su HTC M9 grazie a Lollipop3 minuti di lettura

Il rapido sviluppo tecnologico in ambito mobile sta radicalmente trasformando il mondo della fotografia e del video.

In origine era la macchina fotografica. Poi vennero le reflex digitali. Quindi le bridge. Infine gli smartphone.
Per farla (molto, pure troppo) breve, oggi la capacità di realizzare scatti perfetti è talmente indipendente dal dispositivo, che iniziamo a non capirci più niente.

Per i molti che si sono avvicinati al mondo della fotografia in questi ultimissimi anni, la pellicola di celluloide è solo un ricordo stentato, di lunghe code e poche stampe nel negozio del proprio fotografo di fiducia.
Per chi, invece, è abituato anche alla stampa fatta in casa, anche solo con una piccola tank, il mondo digitale assume l’aspetto di Sulley, in Monsters & Co: un enorme mostro variopinto, a volte simpatico a volte spaventoso.

Il futuro è tascabile

Ma è un dato di fatto non trascurabile che, con l’andar del tempo, l’avanzamento tecnologico stia aumentando in maniera notevole le capacità tecniche dei dispositivi più piccoli e le possibilità creative di quelli già complessi: Canon ha appena lanciato la XC10, Nikon la One J5, ambedue spostando l’asse verso l’ibridazione tra foto e video. Il desiderio più nascosto, per molti fotografi amatoriali e semiprofessionisti, comunque, rimane la possibilità di ridurre l’ingombro dell’attrezzatura pur mantenendo la qualità di scatto.
Ecco allora la grande novità della settimana: HTC M9 aggiorna il firmware e diventa il primo dispositivo Android capace di memorizzare i dati RAW delle immagini scattate con la fotocamera, sfruttando la possibilità del salvataggio in DNG, introdotta con Android Lollipop.
Una capacità che i dispositivi made in Cupertino non hanno ancora acquisito, nonostante recenti aggiornamenti dei controlli fotocamera, a disposizione degli sviluppatori di applicazioni. Non che questo sia un problema, come testimonia l’esperienza di Michael Christopher Brown, il cosiddetto uomo dell’iPhone dell’agenzia Magnum, perfettamente in grado di sopperire alla carenza con l’ottimo sensore Sony dei dispositivi Apple, lenti aggiuntive di prima qualità ed Hipstamatic.

La capacità di poter acquisire un file DNG,per quanto ancora tutta da migliorare su Android, rappresenta un incredibile passo in avanti per chi vuole qualcosa in più rispetto ad una foto da condividere immediatamente attraverso i social-network (se ti stai chiedendo perché, la risposta è in questo articolo di qualche tempo fa). Inutile, quasi, ricordare quanto la post-produzione sia un passaggio importante nella realizzazione di una foto fatta-e-finita. In questo senso poter disporre di file RAW rappresenta un non trascurabile upgrade per qualsiasi dispositivo Android a cui sia concesso, indipendentemente dal sensore che monta.

La compressione che il formato JPEG comporta, infatti, rappresenta uno dei maggiori fattori di variabilità della qualità delle foto scattate attraverso i dispositivi mobili: gli algoritmi di compressione non sono differenti solo tra dispositivi Apple ed Android, ma anche all’interno di questi ultimi variano sensibilmente da produttore a produttore, pur a parità di sensore.
Ecco allora che poter disporre delle informazioni contenute nell’immagine, così come arrivano dal sensore, senza l’intervento di elaborazione finora svolto dal software di sistema, significa ridurre se non eliminare del tutto questo elemento di variabilità e ambiguità.

Android non è l’unico

Di per sé non sarebbe neanche una gran novità, a fronte del lancio del potentissimo (fotograficamente parlando) Nokia Lumia 1520, già capace di catturare in formato RAW lo scattato fin dal 2013 e l’estensione, tramite aggiornamento del sistema operativo, della medesima funzionalità anche al Lumia 920 e 1020 (di cui potete trovare qualche foto utile alla comparazione, qui). Ma l’ampia diffusione di terminali Android (anche considerando i soli HTC) rispetto ai Lumia animati da Windows Mobile, rende il salto quasi epocale.

Ora non rimane che seguire l’evoluzione di quella che, evidentemente, è sempre stata una limitazione del software di sistema: con l’accesso al formato RAW, sicuramente le possibilità offerte dalle applicazioni dedicate alla fotografia subiranno un’impennata e, molto probabilmente, un’inaspettata fortuna.
Nel frattempo, se volete vedere qualche foto per fare i dovuti confronti e avere un’idea più precisa del come e cosa, il consiglio è di visitare questa pagina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *