Il Progettone di Febbraio, a tema Voyeur

Il Progettone di Febbraio – Il Voyeur3 minuti di lettura

Molti fotografi ritrattisti creano i propri scatti ragionando solo su due dimensioni; un soggetto, in piedi davanti ad uno sfondo: piatto!

Brief

Si dimenticano di giocare con i piani focali, dal primissimo piano fino allo sfondo, passando per i piani intermedi. Motivo per cui, questo mese, ci divertiremo a provare a dare maggiore profondità, sfidandoci nel fingere di essere dei voyeur. Non pensare subito male!
Proviamo ad immaginare un ritratto, includendo però elementi di contorno nel primo piano, come se fossero una cornice che aggiunge un tocco di realismo.  Una tecnica spesso usata nei ritratti matrimoniali, glamour come anche nel fotogiornalismo.

Ovviamente, ricordiamoci di provare degli scatti a diaframma molto aperto, per sfocare gli elementi a mezza strada, tra noi e il soggetto. Finestre, specchi, stipiti o porte socchiuse potrebbero essere elementi molto utili, da includere in primo piano, dando l’illusione a chi osserverà la foto di dare solo una sbirciata.

Ispirazione

Mario Testino, uno dei più apprezzati fotografi di moda, utilizza spesso questo approccio voyeuristico nei suoi scatti glamour; ad esempio ha immortalato Michael Fassbender (ed una bionda letale) attraverso svariati elementi di contorno che arricchiscono la composizione. La sensazione è quella di un punto di vista privilegiato, ad un passo da un piccolo momento intimità.

Non è l’unico. Uno dei maestri del ritratto e della fotografia di moda, Helmut Newton, ha prodotto opere eccezionalmente voyeuristiche. Uno dei suoi scatti più celebri, ce lo presenta seduto con la sua macchina fotografica che guarda in uno specchio, intento a catturare il riflesso di una donna nuda in uno specchio. Il loro riflesso è al centro della scena, ma la figura di una donna, al bordo dell’immagine arricchisce di un ulteriore elemento l’intera composizione. Questa maestria nel condurre lo sguardo dell’osservatore rende la maggior parte del suo lavoro ancora attuale, degno delle maggiori e moderne testate di moda.

Ma non solamente le foto possono darci ispirazione per completare questo Progettone. Anche i video.
Diamo una sbirciata al lavoro di Bruno Aveillan e al voyuerismo come invito nel non distogliere l’attenzione dallo schermo: un finestrino abbassato, un angolo o, più semplicemente a volte, un’indistinta sfumatura. Ad esempio nei suoi spot per Luis Vuitton, è sempre presente un accenno di vignettatura a far scivolare l’occhio dell’osservatore verso il centro di una scena dai toni morbidi e soffusi.

Anche nella fotografia di matrimonio si fa largo uso di oggetti in primo piano, a confondere spazio e prospettiva. Un valido esempio è il lavoro di You + We, che colloca le novelle coppie in contesti urbani, arricchendo compositivamente ogni scatto attraverso l’uso degli spazi, dei volumi e degli oggetti circostanti.

Non dimenticare che il 14 febbraio sarà San Valentino: quale occasione migliore per provare a rubare degli scatti magici (senza neanche dover chiedere la collaborazione della coppia in posa)?
Vi aspettiamo su questa pagina per anteprime, prove, consigli e pareri.
E allora, pronti via, che il primo Progettone abbia inizio (e ricordate che la scadenza è fissata al 20 febbraio)!

Cosa faremo con la tua foto

Ecco cosa faremo della tua foto. Aggiungeremo un calendario (e anche i crediti!) per renderla uno sfondo desktop non solo bello, ma anche utile.

progettone-febbraio-voyeur-esempio

 

Presenta la tua foto

Quali caratteristiche deve avere la foto?

Formato: JPEG
Dimensioni: massime possibili, ma almeno 1920×1280 pixel
Risoluzione: al massimo 72 ppi/dpi

Compila il form e lasciaci diffondere le tue foto sui desktop di tutti i nostri amici e contatti. Faremo un gran lavoro nei prossimi giorni e cercheremo di non deluderti. Tu, stupiscici!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *