Videotutorial sul fotoritocco in Lightroom: Puglia mon amour

2 minuti di lettura

Ed eccoci nuovamente qui con un nuovo videotutorial sul fotoritocco per, l’ormai consueto, appuntamento del weekend.

Questa volta, il nostro buon Raff, ha voluto cimentarsi con la post produzione di un paesaggio pugliese.

Non sappiamo se abbia scelto questo tema perché non ne possa più del freddo inverno, abbia voglia di mare o gli manchino fortemente i panzerotti fritti… conoscendolo, propenderei per quest’ultima ipotesi ma, senza screditarne le alte motivazioni, la cosa che conta è che si sia messo sotto, di buona lena, a spiegarci come poter trarre il meglio da una foto storta, un po’ pallida e che, così, a primo impatto, racconta molto poco.

Quante volte vi sarà capitato, al ritorno dalle vostre vacanze, di guardare il vostro scattato e di storcere la bocca? Quante centinaia di foto avete buttato senza sapere che, con qualche tocco di post produzione, avreste potuto recuperarne un bel po’?

È proprio a questo che servono i nostri videotutorial sul fotoritocco: in primo luogo, a farvi capire che non tutte le vostre foto sono da buttare e, in secondo luogo, a evitare che la depressione per il ritorno dalle vacanze sia amplificata dalla consapevolezza di non avere foto buone che ce le ricordino.
Con questo videotutorial potrete imparare poche semplici tecniche per correggere le vostre immagini e renderle più interessanti e vicine ai vostri ricordi: basta veramente poco! Un po’ di impegno e di tempo speso e qualche suggerimento utile.
Vedrete che, anche se all’inizio tutto potrebbe sembrarvi difficile, a lungo andare, con l’abitudine e la costanza nell’applicarsi e nell’esercitarsi, riuscirete a fare queste correzioni quasi ad occhi chiusi per la gioia del vostro catalogo di foto che risplenderà di luce nuova.

Per cui, bando alle ciance e buona visione!

p.s. come al solito per richieste o consigli vi basterà scriverci sui nostri canali social o di seguito a questo post. Buon weekend!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *